AL VIA LA PRIMA FRESA NELL’AREA DI PROGETTO IN AUSTRIA

Il 26 settembre 2015 è stato celebrato l’avvio della prima fresa meccanica nell’area di progetto in Austria. Il 26 giugno, quindi esattamente tre mesi fa, il primo di 75 trasporti eccezionali per il trasporto dei singoli pezzi della fresa ha raggiunto il cantiere di Ahrental. Questo macchinario lungo 200 metri e dal peso di 1.800 tonnellate è stato assemblato in soli tre mesi e da oggi si farà strada attraverso l’ammasso roccioso in direzione del Brennero.

Il 26 settembre è stato celebrato l’avvio della prima fresa meccanica nell’area di progetto in Austria. Il 26 giugno, quindi esattamente tre mesi fa, il primo di 75 trasporti eccezionali per il trasporto dei singoli pezzi della fresa ha raggiunto il cantiere di Ahrental. Questo macchinario lungo 200 metri e dal peso di 1.800 tonnellate è stato assemblato in soli tre mesi e da oggi si farà strada attraverso l’ammasso roccioso in direzione del Brennero.

Quasi esattamente un anno dopo l’avvio dei lavori nel lotto Tulfes-Pfons e 3 mesi da quando il primo pezzo di fresa ha raggiunto il cantiere di Ahrental, oggi è stata attivata la prima fresa meccanica nell’area di progetto austriaca.

Si tratta di una macchina aperta con gripper e un backup di 200 metri, prodotta dalla Herrenknecht di Schwanau (Germania) e trasportata nel cantiere di Ahrental in 76 singoli pezzi, di cui il più pesante raggiungeva le 120 tonnellate. Il montaggio del macchinario costituiva una grande sfida tecnica. Tutta la parte anteriore della macchina è stata assemblata ad una profondità di 3,5 km, direttamente nella montagna, nel camerone di montaggio che ha un volume di 120x15x15 metri. Le parti di backup invece sono state assemblate all’aperto, nell’area di cantiere e poi trasportate attraverso la galleria di accesso di Ahrental fino alla testa della fresa. Gli ingegneri e gli operai hanno lavorato giorno e notte per 3 mesi per assemblare il macchinario. In questo momento sta già procedendo in direzione sud, per scavare altri 15 km del cunicolo esplorativo. Usando dei nastri trasportatori, 1000 tonnellate di materiale di scavo all’ora (600 tonnellate provenienti dallo scavo con fresa e 400 tonnellate dallo scavo in tradizionale) vengono portati dai fronti di scavo direttamente al deposito di Ahrental.

Dati tecnici della fresa meccanica (TBM):
• Tipo di TBM:  TBM aperta con gripper
• Potenza erogata:  5.500 kW
• Lunghezza della TBM comprensiva di backup: 200 m
• Peso della TBM comprensiva di backup: 1.800 tonnellate
• Diametro della testa della fresa: 7.930 mm
• Peso della testa della fresa: 150 tonnellate
• Cutter: 38 cutter con un diametro di 19''
• Dischi cutter a doppio taglio al centro: 4 cutter con un diametro di 19''
• Cucchiaio caricatore:  6 pezzi


Alla cerimonia hanno partecipato i due membri del Consiglio di Gestione di BBT SE, Dott. Ing. Raffaele Zurlo e Prof. Konrad Bergmeister, i rappresentanti dell’ATI Strabag/Salini-Impregilo, il Presidente del Land Tirolo Günther Platter, il membro del Consiglio di Gestione di ÖBB Infrastruktur AG, Franz Bauer e i rappresentanti di RFI.

Dati principali del lotto di costruzione Tulfes-Pfons

Nel giugno del 2014, il lotto costruttivo Tulfes/Pfons è stato affidato al raggruppamento temporaneo di imprese Strabag/Salini-Impregilo per un valore contrattuale di ca. 380 milioni di Euro. I lavori di scavo sono stati avviati nel settembre 2014. Entro la primavera del 2019, nell’ambito di questo lotto saranno scavati oltre 38 km di gallerie, di cui oltre 5 km saranno già stati completati alla fine di settembre 2015.

Il cunicolo di soccorso lungo 9,7 km, che si estende in parallelo alla circonvallazione di Innsbruck, sarà realizzato da tre punti di attacco, uno a Tulfes e due nella galleria di accesso di Ampass dove i lavori proseguiranno contemporaneamente verso est e ovest. I lavori saranno conclusi nel 2017.

Dalla galleria di accesso di Ahrental, oltre allo scavo meccanizzato del cunicolo esplorativo, partiranno anche gli scavi delle gallerie principali e della galleria di interconnessione nord, che collegherà la Galleria di Base del Brennero con la circonvallazione di Innsbruck. L’avvio dei lavori nelle gallerie principali è stato celebrato il 19/03/2015 alla presenza del Commissario Europeo dei Trasporti Violeta Bulc e i 7 Ministri dei Trasporti dei paesi Alpini. Dall’estate del 2015 sono in corso anche i lavori di scavo per la realizzazione della fermata di emergenza di Innsbruck che è situata nell’area comunale di Patsch e Innsbruck-Igls e si estenderà per 470 metri.