2.800 visitatori alla Giornata delle Porte Aperte al cantiere BBT di Mules

La giornata delle Porte Aperte alla Galleria di Base del Brennero si conferma evento di comunicazione, incontro e condivisione della grande opera

Per il quarto anno consecutivo si è svolta presso il cantiere BBT di Mules la Giornata delle Porte Aperte. La manifestazione ha attirato ben 2.744 visitatori, a dimostrazione del grande interesse e della grande attenzione di cui gode il progetto.

La giornata è iniziata con la messa in cantiere officiata dal parroco di Mules Don Paul Valentini, accompagnata dal coro polifonico della comunità di Mules. 

Dopo la celebrazione della S.Messa, il personale di BBT SE ha accompagnato i visitatori in galleria. Le visite sono proseguite ininterrottamente per tutta la giornata fino alle ore 17:00 ca., con l’accompagnamento di guide bilingui che hanno provveduto a illustrare l’avanzamento dei lavori. Già all’ora di pranzo erano oltre 2.600 i visitatori registrati per arrivare a conclusione della giornata ad un numero finale di 2.744 persone. 

Grande successo anche per l’iniziativa svolta in collaborazione con l’Avis Alto Adige ed il Presidente Erich Hanni che hanno promosso una campagna informativa congiunta in favore di Avis, Admo, Aido e Adisco.

Oltre alle informazioni relative al progetto BBT, ottenibili anche entrando in un simpatico labirinto informativo, è stata molto apprezzata la presenza del medico Dr. Hannes Mutschlechner che per tutto l’arco della giornata ha informato i visitatori delle tecniche di primo soccorso, anche con dimostrazioni pratiche e istruzioni sull’impiego del defibrillatore. Immancabile un piccolo check della salute, con un controllo gratuito della pressione.

Tra le varie attrazioni pensate per informare i visitatori si segnala l’alta frequentazione del “Cinema BBT” dove venivano riprodotti filmati di BBT oltre a servizi concessi da Rai Alto Adige e dal Curatorio dei Beni Tecnici Culturali. In questo contesto è stata mostrata l’anteprima della sequenza di immagini del fotografo austriaco Markus Bstieler, che ha percorso su vari treni in cabina di guida i 2.000 km tra Berlino e Palermo, il tratto centrale dell’asse TEN Scandinavia-Mediterraneo, di cui fa parte la galleria di base del Brennero.

L’intrattenimento è stato assicurato in collaborazione con il VKE, allestendo un campo giochi; i piccoli ospiti hanno inoltre potuto dilettarsi arrampicandosi su un alto scivolo gonfiabile. Grandi e piccini hanno potuto accedere, in galleria con un trenino, percorrendo un breve tratto iniziale della galleria di accesso fino a raggiungere il camerone di ventilazione, dove sono stati esposti i mezzi operatori impiegati per la realizzazione dei tratti di galleria oggetto della visita.

Commenti entusiasti da parte degli ospiti, giunti anche da fuori regione e dall’estero, a dimostrazione del grande interesse verso quest’opera di rilevanza europea.

Soddisfatti anche gli amministratori di BBT SE, Raffaele Zurlo e Bergmeister Konrad. Al termine della giornata Konrad Bergmeister sintetizza “Nelle quattro giornate delle porte aperte svolte negli ultimi quattro anni, oltre 10.000 persone hanno visitato il cantiere BBT di Mules. Questo è un importante risultato, che evidenzia la costante necessità di condivisione del progetto e la grandissima importanza dell’ informazione sulle opere in corso.”  “È un vero piacere vedere tanti visitatori festanti,” conclude Raffale Zurlo. “La nostra soddisfazione non deriverà domani dall' aver realizzato il tunnel più lungo al mondo, ma per averlo realizzato bene, nel rispetto dei tempi e dei costi preventivati e avendo stabilito un feeling molto positivo con la popolazione che vive nell’area del progetto.”